Il treno per la felicità 2: arriva il sequel?

Foto0069

Sono passati ormai quattro mesi dalla pubblicazione del mio primo romanzo, il treno per la felicità.

Ho ricevuto tanta stima e affetto da parte di tutti, ma soprattutto i complimenti per aver svolto
un buon lavoro; a testimonianza di ciò è arrivata anche la recensione del quotidiano l’Unione Sarda.
Non avrei mai pensato, in principio, di ottenere così tanto, però sono molto orgoglioso del mio esordio,
e tutto questo mi esorta a continuare questo lungo cammino.
Il complimento più bello che mi avete fatto in tanti, è che tutti i lettori si sono immedesimati nei
personaggi della storia, hanno provato le estesse emozioni e immaginato quelle strade e quei luoghi
da me descritti. Sinceramente, non c’è un migliore complimento che si possa fare ad un Autore, perché

significa che vi siete impossessati della storia, l’avete fatta vostra, e vostra sarà per sempre.

Vorrei ringraziare chi ha lavorato dietro le quinte, in particolar modo Roberta Fais, che mi ha sempre
incoraggiato a non mollare mai e a migliorare le mie idee, e anche perché è stata l’Autrice della
foto di copertina. In tanti mi avete fatto i complimenti, ma i complimenti dovete farli a lei,
perché è stata davvero brava. Ringrazio pure Valentina Solinas e Jean Floris che mi sono stati accanto
e perché anche loro hanno dato un contributo fondamentale per la buona riuscita di questo romanzo.

Ora, in tanti mi state chiedendo di scrivere il sequel del racconto, il treno per la felicità 2.
Per il momento è in piedi un altro progetto che vedrà la luce nel 2016 e di cui non posso ancora
parlarvi. Non escludo, tuttavia, che la storia possa continuare… Perché tutti ci sentiamo un po’
Giovanni e un po’ Sarah, perché attraverso le loro gesta possiamo vivere la libertà che sognamo e che
la vita frenetica di tutti giorni non ci concede. Ma si sa, i libri hanno il potere di proiettarci
in un mondo dove tutto è possibile.

Un abbraccio a tutti,
Michael

Precedente Il lavoro rende liberi. Ne siamo veramente sicuri? Successivo Ebook o cartaceo? Il grande dilemma dei lettori italiani