Leggere è come viaggiare

Leggere un libro è come esplorare ogni volta una terra diversa, con diversi sapori, diversi colori, e con odori che ti rimarranno impressi e che porterai sempre con te.
Conosci gente nuova, nuovi sorrisi, nuovi occhi, altri punti di vista su come guardare le cose e affrontare i problemi.
Leggere è sinonimo di viaggiare. Lo si capisce anche dai personaggi che si incontra, ognuno di essi che conosciamo e che è stato parte della nostra vita (o lo è ancora) ci ha fatto crescere in qualche modo, anche se non vogliamo ammetterlo.
Non capiamo affondo che la vita non ha un vero filo narrativo, o meglio, ce l’ha eccome, ma siamo troppo indaffarati a perderci tra le cose materiali e lo capiremo solo alla fine.
Viaggiare, quindi, e raccontare il nostro viaggio, è una delle poche azioni che ci aiuterà ad arricchirci e arricchire chi ci sta intorno. Un tesoro che non verrà mai disperso.

 

 

Precedente Il seminatore di grano - 11. Dove nasce l'arcobaleno Successivo Il seminatore di grano - 12. Il treno che passa