Marina Atzori: recensione di “Vacanze d’estate”

Pochi giorni fa è apparsa sul portale della scrittrice Marina Atzori la recensione di Vacanze d’estate.

Di seguito, il pensiero di Marina sul nuovo libro di Michael:

“Vacanze d’estate di Michael Floris è stata senz’altro una lettura piacevole. La storia di Luca e Sofia conquisterà certamente i lettori più giovani, perché è fatta di tenerezza, di sguardi che fanno fatica ad incontrarsi. Quale migliore occasione, se non le vacanze estive per regalarsi una possibilità concreta? Tuttavia, si sa: l’amore vero sboccia laddove ci sono braccia aperte, pronte ad accoglierlo. Ma, per Luca e Sofia non sarà così semplice. La timidezza e l’insicurezza ci mettono lo zampino. I due ragazzi verranno messi a dura prova dal loro modo di agire ancora acerbo, colmo di paure. Ci proverà il mare ad avvicinarli, a cullare questo sentimento, dolce e inespresso allo stesso tempo. E anche il cielo farà un tentativo, divenendo complice, con la sua atmosfera e i suoi colori, il suo tappeto di stelle cadenti. I desideri a Luca e Sofia non mancano e nemmeno i sogni. Mancano invece, le carezze, i baci e soprattutto le mani; mani da stringere, a poco a poco, con una presa più sicura. Chissà se riusciranno a sfiorarsi i loro cuori? Vacanze d’estate è un libro di amicizie, di dinamiche amorose e chimiche che sfuggono ai capricci dell’età; la trama scorre veloce, come il vento e scaccia via i pensieri in un lampo. Michael Floris è un autore romantico, dalla scrittura semplice. Questo è un pregio. I suoi punti di forza sono proprio, brevi cenni di ingenuità e di semplicità, contenuti tra le righe, accompagnati da una genuinità non sempre consueta nel raccontare storie di questo genere. Se dovessi riassumere in una parola questo racconto, sarebbe senza dubbio: spontaneità. Lettura leggera e delicata, dall’anima assolutamente vacanziera. Ideale per chi vuole distrarsi e iniziare a programmare le ferie estive.”

Ringrazio Marina per il suo parere sempre obiettivo e professionale.

Link all’articolo originale: MarinaAztori.it

 

Precedente Il seminatore di grano - 14. Cinque minuti di felicità Successivo Il seminatore di grano - 15. Il segreto della carta