Piton è morto due volte.

piton

Non ci siamo ancora ripresi dalla scomparsa di David Bowie. Ci stiamo ancora asciugando le lacrime. Abbiamo gli occhi gonfi. Siamo ricaduti in un altro periodo di lutto. Parlo per gli amanti del cinema e della letteratura.

Perchè?

Alan Rickman si è spento a 69 anni per colpa di un cancro. Proprio come David Bowie. Stessa malattia. Stessa età. Alan Rickman è stato un bravissimo attore, con uno di quei volti noti che vedi in parecchi film e di cui non ti viene mai il nome. Ha girato pellicole del calibro di Die Hard, Robin Hood, Love actually. Mica poco, insomma… Ma la sua celebrità è dovuta all’interpretazione di un personaggio proveniente dal mondo della letteratura, più in particolare dalla celeberrima saga di Harry Potter. Di chi stiamo parlando? Dell’insegnante di pozioni, Severus Piton.

Severus Piton. Uno dei personaggi più ambigui e più odiati dell’intera serie. Colui di cui il grande Silente si fidava ciecamente. Ma non noi lettori. Finché nell’ultimo episodio della saga non abbiamo scoperto che in realtà il suo comportamento ambiguo verso Harry era solo una maschera, una messa in scena per proteggerlo. E’ lì che alla fine abbiamo iniziato ad amarlo. Proprio nel momento della sua fine.

Avremmo voluto leggere il resto. Dove lui ed Harry sarebbero stati definitivamente alleati contro il male, forse colleghi, alla scuola di Hogwarts.

Il mondo della letteratura è in lutto. O almeno, noi che abbiamo vissuto e letto con passione quelle pagine. Abbiamo amato tutti i film, fino a vederli per la centesima volta ciascuno. Perché è come se Piton fosse morto una seconda volta.

E allora, in alto le nostre bacchette…

Precedente Giovanni e Guido omaggiano David Bowie. Spin-off de #iltrenoperlafelicità Successivo Picture-Story: Campo con papaveri