Il mestiere importante di scrivere

Ogni tanto mi viene voglia di mollare. Il blog, la pagina, tutto. Mi chiedo quanta gente sia interessata a ciò che scrivo e se veramente ne valga così tanto la pena.
Ritagliarmi il tempo per scrivere, tra il lavoro e la casa non è semplice. Io ci provo sempre, perché per me scrivere è uno sfogo, è trovare una via di uscita da questa realtà che è così caotica e noiosa.
Mi chiedo se ho la capacità di trasmettere emozioni con le mie parole, se mettere in piedi alcuni personaggi possa essere un modo efficace di comunicazione.
I ritmi quotidiani sono così serrati e più volte ho seriamente pensato che forse alla fine tutti facciamo parte di un grande fratello globale, e che Orwell in fin dei conti ci aveva visto giusto.
Vorrei evadere da tutto questo. Che vita è dove bisogna continuamente avere un fucile in mano ed essere dei bravi soldatini? Che vita dove bisogna sempre rimanere sugli attenti per non deludere chi ti sta intorno? Che vita è dove non è possibile esprimersi come si vuole, dove i più potenti sono i più ricchi e dove un jeans strappato è meglio di un cuore regalato?

Penso che mi piacerebbe vivere in campagna, dove solo il rumore della natura mi accompagnerebbe di giorno in giorno, e allora scriverei per descrivere agli altri il piacere di vivere fuori dalla città. Dopo tutto, è da lì che provengo.
Descriverei ogni cosa, dal canto degli uccelli al rumore del vento, dal sorriso di una giovane contadina al sole che ogni giorno va a nascondersi dietro le colline. Parlerei della donna che amo e come le nostre vite trascorrerebero all’ombra di un pino, oppure di un bacio romantico dato sotto la pioggia, o di un abbraccio per esserci sempre.
Credo che sia questo il modo migliore in cui passerei i giorni che mi resterebbero da vivere, o più diplomaticamente per me stesso, la vecchiaia. Lo so, per voi sarebbe noioso, ma per me sarebbe conquistare la libertà totale.
Fino ad allora dovrò combattere ogni giorno per ottenere quella libertà e, intanto, per lenire le mie sofferenze scrivo. Leggo.
I libri sono tutta la mia vita, scrivere è la mia vita, ed io continuerò a farlo anche per una persona soltanto che avrà la pazienza di leggermi. Allora, il mio obiettivo sarà raggiunto.

Michael

[Photo by Craig Whitehead]

Precedente Il seminatore di grano - 12. Il treno che passa Successivo La Fenice Blog: recensione di "Vacanze d'estate"