Ringiovinezza parte 8

Il roseto era la parte più bella del grande giardino della Residenza dei Fiori. Betty era una delle volontarie che provvedeva al mantenimento. Curava quel giardino come se fosse suo. Aveva piantato diversi tipi di rose, prima quelle classiche e poi le varianti con diverse sfumature.

-È venuto proprio bene il tuo roseto- disse Leo mentre Betty era inginocchiata a curare una rosa.

-Grazie-

-Si sente il profumo-

Betty si alzò lentamente e guardò il suo roseto con aria soddisfatta, poi si girò a guardare Leo. Avrebbe voluto abbracciarlo, ma non poteva sotto quegli sguardi indiscreti. Fece un gran respiro e fu investita da un leggero venticello purificatore.

Leo da quando cominciò a frequentare Betty divenne più sicuro di sé stesso. Aveva persino pensato di scappare con lei per un week end romantico. Ma come giustificare la loro assenza per così tanto tempo alla direttrice della Residenza?

Maggie aveva capito da un pezzo che c’era del tenero tra i due, ma non volle intromettersi per non farli sentire a disagio di fronte agli altri. Aveva intuito la loro distanza nei momenti comuni e gli aveva sorpresi più volte a passeggiare in giardino.

Si respirava una buona aria alla Residenza dei fiori e Maggie era l’artefice di quel rinnovamento, tant’è che la direttrice le propose di restare, nonostante il rientro imminente della titolare.

-Da quando è venuta qui, qualcosa è cambiato nella testa dei nostri residenti. Mi dica qual è il suo segreto…-

-Nessun segreto Dottoressa Bianco, solo allegria!-

-Non venga a raccontarmi frottole. Lei ha qualcosa che piace. È una bella donna, non c’è dubbio, ma non basta-

-La gente vuole sentirsi utile, Dottoressa Bianco. Questo a loro piace parecchio. Arrivare alla loro età e stare seduti su una sedia a guardare tutto il giorno la televisione non giova alla loro salute. Si erano rassegnati-

La direttrice la guardò annuendo con il capo.

-Ha ragione… Sa cosa le dico? Che qua c’è un posto per lei!-

-Non saprei, ci penserò su-

Maggie uscì dall’ufficio lasciando la direttrice a bocca aperta, che non avrebbe mai pensato di ricevere una risposta simile.

Intanto quasi tutti avevano completato il proprio vestito, e Maggie aveva spedito gli inviti a tutti i loro parenti per assistere a quella che doveva essere una strampalata, ma simpatica sfilata di moda.

© Michael Floris – Tutti i diritti sono riservati.

Ti è piaciuto il racconto? Allora, condividilo!

Acquista le opere di Michael!

Precedente Sospensione attività blog Successivo Ringiovinezza parte 9