Le vostre recensioni su “Il treno per la felicità”

CHIARA:

Un viaggio interessante per le vie di Torino, in una realtà cruda come quella attuale, con un giovane laureato disposto a tutto pur di realizzarsi nella sua Italia. Poi c’è quel viaggio in treno che tutti vorremmo fare, la realizzazione di un sogno. Da leggere tutto d’un fiato! voto 5 stelle su 5.

 

ALICE:

“il romanzo racconta una storia d’amore fra due ragazzi che incontrano degli ostacoli, affrontando molte tematiche attuali. ll libro è piacevolissimo da leggere, ti tiene incollato alle pagine e fa affezionare al protagonista Giovanni, inoltre presenta delle bellissime descrizioni della città di Torino, che fanno venire voglia di visitarla!” voto 5 stelle su 5.

 

 

FRANCESCA:

“E’ un libro che consiglio a tutti perché chiunque può ritrovarsi nella storia di Giovanni, un giovane laureato alla ricerca del suo posto nel mondo.Giovanni è un ragazzo molto romantico che non si arrende alle prime difficoltà pur di vivere la sua storia d’amore con Sarah.Ho apprezzato l’intento dell’autore di lanciare un messaggio positivo affinché ognuno trovi il suo personale treno per la felicità.” voto 4 stelle su 5.

 

 

PAULN17:

“Consiglio il libro perché l’autore è riuscito a fare in modo che il lettore quasi percepisca le emozioni provate dal protagonista Giovanni. Il racconta permette di toccare con mano molte tematiche attuali e insegna che niente è impossibile, ma siamo noi a scegliere il nostro destino.” voto 5 stelle su 5.

 

 

STEFANIA:

“Il Treno per la felicità di Michael Floris … Un libro molto bello, scorrevole e appassionante, trasmette emozioni vere.Lo consiglio a tutti quelli che hanno ancora voglia di vivere un sogno e non smettono mai di appassionarsi, a chi crede che non esistono ostacoli!!!” voto 5 stelle su 5.

 

 

GIOVANNI:

“Libro molto interessante e piacevole, scritto magnificamente, difficile abbandonare la lettura una volta iniziato, la trama avvincente e mai scontata tengono inchiodati fino alla fine.Consigliatissimo!” voto 5 stelle su 5.

 

 

ANNA PAOLA:

“Una storia d’amore dei giorni nostri ambientata nei vicoli di in una stupenda Torino. Attuale e contemporaneo mi ha portato e passeggio tra i posti più belli di una affascinante Torino. Lo consiglio vivamente!”  voto 5 stelle su 5.

 

 

EVA F. MAY:

“Un po’ per la copertina in bianco e nero, un po’ perché il titolo mi faceva pensare a qualcosa di romantico e nostalgico, ho deciso di leggerlo. E devo dire che il mio intuito ha avuto ragione.Bella la storia, soprattutto vera, attuale con tutto quello che può ruotare intorno alle problematiche moderne. L’università, il lavoro, due ragazzi divisi dalla religione ma uniti dall’amore.Sì, lo consiglio.” voto 4 stelle su 5.

 

 

MARCO:

“Il libro è scritto bene, e mette in evidenza il periodo nero che incontra un generico ragazzo italiano una volta che finisce l’università. Un problema che accomuna tutti. L’autore è stato bravo ad intrecciare una storia d’amore enfatizzando un altro problema attuale che colpisce la nostra generazione, ovvero la differenza di religione.Complimenti davvero!” voto 4 stelle su 5.

 

 

GIANNI:

“Romanzo facile e breve, non ti annoia e ti fa riflettere! Ottimo il tempismo della storia d’amore.. ve lo consiglio!” voto 4 stelle su 5.

 

 

MARCO:

“Ottimo romanzo. Il racconto non presenta buchi nella storia e ti tiene incollato al libro fino alla fine. Inoltre, il romanzo è ambientato a Torino, la quale viene descritta egregiamente a tal punto da fartela immaginare. Bravo!” voto 5 stelle su 5.

 

 

MARIO:

“Ho finito di leggere il libro, mi ha veramente appassionato, e’ una bella storia e sopratutto e’ una storia dove il bene vince sul male, mi piace molto anche la visione che l’autore da’ di Torino, entrando nei dettagli e descrivendola con molta accuratezza, io che non la conosco, mi sono sentito guidato in un bel giro turistico, e tra l’altro sicuramente cerchero’ di visitarla, complimenti all’autore e spero che ben presto proponga altre belle storie come questa.”

Precedente A ruota libera sul "treno" Successivo Recensione dell'Unione Sarda