Crea sito

Ringiovinezza parte 10

Maggie guardava festeggiare tutti dalla finestra che dava sul cortile. Sorrise. Quei sei mesi alla Residenza dei fiori l’avevano cambiata. Pianse, perché sapeva di avercela fatta e nulla era paragonabile a quello che aveva provato lì dentro. S’incamminò verso il cancello, ma Betty si era accorta della sua assenza, così con passo svelto la raggiunse nel viale e la abbracciò.

-Sono contenta per te e Leo- disse Maggie.

Betty la guardò felice, ma senza dire una parola.

-Certe volte, le cose più semplici ci appaiono più complesse di come sembrano- aggiunse Maggie.

-Grazie, grazie di tutto-

Betty la abbracciò come fosse sua figlia.

-Sento che lo amo- disse improvvisamente Betty e provando ad asciugarsi le lacrime che venivano fuori di continuo.

-Non devi dirlo a me, devi dirlo a lui… Ne sarà felice-

-Speriamo il suo cuore lo regga…- disse Betty scherzosamente.

-Vai e goditi la festa-

Betty la abbracciò ancora prima di lasciarla andare. Ormai tutti avevano capito e stavano affacciati alle finestre della sala comune e salutavano come se la Residenza fosse una grande nave in partenza. La direttrice sugli scalini dell’ingresso le fece un cenno d’intesa.

Betty tornò dentro e andò da Leo per la prima volta in tutta la serata.

-Ti sta proprio bene questo smoking-

Leo, impacciato, si allentò la cravatta cercando di ricordarsi come si rimorchiavano le donne ai suoi tempi.

-Vieni, ti faccio conoscere una persona…-

Leo la seguì in silenzio.

-Lei è Maya, ha quattro anni-

Betty la prese in braccio faticosamente e Leo aveva capito che gli stava aprendo la porta della sua famiglia. Avevano entrambi gli occhi lucidi.

-Ciao, Maya… Io sono Leo-

Maya gli dette la mano e lo guardò con diffidenza. Leo, allora, presentò i suoi nipotini, Marco di undici anni e Chiara di nove. Quando la serata finì, Leo raggiunse Betty come ogni sera nel suo mini-appartamento. Betty si rifugiò tra le sue braccia, sotto le coperte e al riparo degli sguardi indiscreti.

-Sai, credo di amarti- disse Betty improvvisamente.

Leo la strinse a sé ancora più forte.

-La vita è strana, mia cara Betty. Quando sembra ti sia amara tutto cambia come non ti aspetti, e poi arriva il dolce, da mangiare tutto d’un fiato-

Betty sorrise perché capì che era il suo modo di dirle che l’amava. Guardando la luna, che faceva capolino tre le nuvole, pensò di lasciare la Residenza dei fiori e costruirsi una seconda vita con Leo. Ora che sapeva ciò che provava si sentiva più leggera e tutto pareva più semplice. Non disse nulla a Leo, perché quelle emozioni tutte insieme potevano essere letali per il suo vecchio cuore.

Ma chi è mai morto per troppa felicità?

Betty lo guardò dormire e le parve più bello, mentre un raggio di luna gli illuminava il viso e gli faceva luccicare i capelli brizzolati.

FINE

© Michael Floris – Tutti i diritti sono riservati.

Ti è piaciuto il racconto? Allora, condividilo!

Acquista le opere di Michael!