Vacanze d’estate – 15. Lotta contro il tempo

estate-sta-finendo

Come ogni pomeriggio, Luca ed Alberto avevano raggiunto la spiaggia dove Sofia e Giulia prendevano solitamente il sole.

Era una tipica giornata estiva, senza un alito di vento, il mare pieno zeppo di bagnanti, e le strade gremite di auto. La solita Finale, insomma. La colombara si ergeva in tutta la sua bellezza, circondata dalle palme e dalla folta e ricca vegetazione.

-Continua a comportarti come sempre.- consigliò Luca ad Alberto. -Altrimenti lei se ne accorgerà e starà per tutto il tempo sulla difensiva.-

-Ok.-

-Vedrai che andrà tutto benissmo. Eccole!- esclamò Luca indicandole.

Il cuore di Alberto accelerò bruscamente. Avrebbe voluto che la passarella che conduceva alla spiaggia si allungasse magicamente per essere pronto. Aveva sempre preso in giro Luca per i suoi comportamenti, ma ora capiva cosa aveva provato.

Il bikini di Giulia lasciava Alberto senza fiato. I capelli, biondi, le cadevano dolcemente sulle spalle e luccicavano al sole. Mentre Alberto si avvicinava a lei con fatica, si sentiva sempre più piccolo e più imbranato. Era arrvato persino a pensare che non fosse all’altezza. L’ansia gli giocava brutti scherzi.

-Ciao!- salutò Luca.

Giulia e Sofia si girarono verso Luca e Alberto, e salutarono all’unisono. Luca si precipitò a dare un bacio a Sofia, e Giulia guardò negli occhi Alberto che subito distolse lo sguardo imbarazzato.

-Vi stavamo aspettando…- disse Sofia.

-Ah, sì?- chiese Luca.

-Sì, andiamo a fare il bagno!-

Giulia guardò ancora Alberto.

Luca e Sofia si erano già alzati e si dirigevano verso la battigia.

-Voi due? Venite con noi?- chiese Sofia.

-Sì, arriviamo!- rispose Giulia.

Alberto non riusciva a parlare. Era come se la sua lingua si fosse cementificata. Non sapeva che argomento toccare, non sapeva se chiederle come stava. Non sapeva che fare.

Giulia aveva capito che l’atteggiamento di Marco nei suoi confronti era cambiato.

-Ehi, tutto bene?- chiese con un po’ di preoccupazione.

-Sì, è solo che l’acqua è un po’ fredda.- glissò Alberto.

-A me sembra caldissima.- rispose Giulia.

Proprio in quel momento una palla si spiaccicò sulla superficie dell’acqua, schizzando Alberto e facendogli fare un salto.

-Ehi!- esclamò lui irritato.

Giulia rise.

Alberto si guardò intorno e vide che a una decina di metri da loro, Luca e Sofia ridevano a crepapelle.

-Ti faccio vedere io!- minacciò Alberto adirato.

Giulia si avvicinò a Sofia, mentre Luca tentava di scappare.

Quella palla aveva sfondato il velo di tensione che avvolgeva Alberto. Luca, che lo conosceva bene, sapeva che solo in quel modo avrebbe potuto salvare il suo amico da un atteggiamento che lo avrebbe condannato. Dopo tutto, Giulia era una ragazza molto estroversa, e questo metteva in soggezione Alberto.

-Stasera ci sarà una festa in spiaggia. Ti va di venire?- chiese Giulia, mentre si metteva a posto i capelli bagnati.

-Sì.- rispose Alberto sorridendo.

Il jukebox del chiosco diffondeva le note di “L’estate sta finendo” dei fratelli Righeira. Quella canzone metteva in Alberto una certa malinconia. La sua vacanza volgeva ormai al termine, e solo ora cominciava a divertirsi. Il suo sguardo speranzoso era rivvolto verso il mare affollato, verso i pedalò, e verso i bambini che giocavano con la sabbia.

Alberto vedeva le sfumature romantiche di Finale. Erano anni che la sua famiglia passava le vacanze sulla riviera ligure, e solo ora cominiciava ad apprezzarne la bellezza. Vedere Luca e Sofia baciarsi sulla battigia, gli faceva venire voglia di conquistare Giulia, di farla sua al più presto. Era una lotta. Una lotta contro il tempo.

© Michael Floris – Tutti i diritti sono riservati.

 

 

 

Precedente Picture-Story: Lovers in a cafe Successivo Vacanze d'estate - 16. Il falò sulla spiaggia